UBI BONSAI
UBI Bonsai - Unione Bonsaisti Italiani
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Funghi sulle radici
10/2/2017, 13:24 Da andrea 55

» salve a tutti
9/2/2017, 12:18 Da andrea 55

» Polverina su pyracantha
21/1/2017, 12:29 Da gionny33

» foglie secche ai bordi
13/6/2016, 18:59 Da sergiope

» Lantana Camara
21/4/2016, 12:01 Da ronin

» OLIVELLO SELVATICO
3/10/2015, 14:44 Da Antonio Buzzanca

» ginepro comune
30/6/2015, 13:24 Da andrea 55

» Impostazione Ginepro
28/6/2015, 10:55 Da andrea 55

» salve a tutti
26/6/2015, 17:11 Da andrea 55

» salve a tutti
23/6/2015, 21:16 Da efi65

Chi è in linea
In totale ci sono 3 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 3 Ospiti

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 59 il 10/10/2015, 09:51
I postatori più attivi del mese

Contatore Visite
Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

Google +1

Bonsai di Rosmarino

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Bonsai di Rosmarino

Messaggio  Admin il 29/7/2011, 07:46

Rosmarinus officinalis
Specie appartenente alla famiglia delle labiate, insieme a olivastri, timi, lentischi è un arbusto che cresce spontaneo lungo le coste del bacino mediterraneo.
Difficile riuscire a trasformare un Rosmarino in un bonsai per il semplice motivo che questa essenza racchiude naturalmente in se tutte le peculiarità di un bonsai; le ridotte dimensioni delle foglie, il tronco dall'aspetto vetusto spesso solcato da shari, jin e sabamiki naturali soprattutto se si tratta di yamadori ovvero raccolto in natura e la caratteristica profumazione che lo rende gradevole anche all'olfatto.
Decisamente più facile da coltivare soprattutto nel nostro meridione dove cresce spontaneo nella macchia mediterranea adattandosi con facilità a lunghi periodi di siccità e a terreni calcarei spazzati da venti che portano la salsedine del mare.
La difficoltà in effetti consiste principalmente nella raccolta e nell'affrancamento in vaso; personalmente ho riscontrato un discreto successo prelevando piccole piante (ma già con la caratteristica forma "sofferta") nei pressi di cave di tufo o ai bordi delle Gravine di cui è ricco il nostro territorio, limitandomi però solo a quelle che normalmente crescono in piccole depressioni della roccia nel quale si accumula la terra portata dal vento.
Questo fa si che il Rosmarino sia privo della lunga radice fittonante di cui solito è dotata la pianta e abbia sviluppato un notevole apparato radicale di superficie ricco di capillari.
Il periodo migliore è ovviamente la fine dell'inverno, anche se queste piante vegetano tutto l'anno è preferibile però limitarsi al momento di massima attività linfatica per aumentare le probabilità di attecchimento.

Esposizione
Per le peculiarità già descritte il Rosmarino deve considerarsi un bonsai da esterno esposto a pieno sole anche nei periodi estivi più caldi e afosi.

Annaffiature
Prediligendo i terreni asciutti il Rosmarino non ha bisogno di abbondanti annaffiature quindi bisogna avere l'accortezza di lasciar asciugare bene il terreno prima di inumidirlo nuovamente anche per non incorrere nella marcescenza delle zone di legno morto più vicine al terreno.

Potatura
Sopporta bene qualsiasi tipo di potatura anche drastica ma bisogna sempre avere l'accortezza di lasciare alcuni rametti interni per evitare il ritiro della linfa e la morte della vena che lo alimenta a meno che non si desidera migliorare l'aspetto vetusto della pianta con degli shari naturali.
La potatura va eseguita a fine inverno sia prima che dopo la fioritura.

Pinzatura
Durante la fase vegetativa è necessario effettuare la pinzatura (o spizzicatura) dei nuovi germogli per mantenere la siluette della pianta e per infoltire la vegetazione che altrimenti diventerebbe troppo lunga con internodi molto distanti tra loro.
Questa operazione però non deve essere fatta oltre il mese di agosto se si vuole che nella primavera seguente l'arbusto fiorisca.

Avvolgimento
Il legno del Rosmarino, fragile, poroso e rigido mal si presta alle piegature con il filo.
Si possono effettuare solo piccole modellature avendo sempre l'accortezza di proteggere i ramo con rafia.
Si può intervenire in inverno ma bisogna sempre controllare che durantela crescita vigorosa della primavera il filo non incida la corteccia.

Concimazione
Il Rosmarino va concimato da marzo a giugno evitando il periodo di fioritura si eviti altresì la concimazione nei periodi più caldi di luglio e agosto e continuando per tutto il resto dell'anno con concimi a lenta cessione.
avatar
Admin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 162
Località : Roma

http://bonsairomano.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum