UBI BONSAI
UBI Bonsai - Unione Bonsaisti Italiani
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Funghi sulle radici
10/2/2017, 13:24 Da andrea 55

» salve a tutti
9/2/2017, 12:18 Da andrea 55

» Polverina su pyracantha
21/1/2017, 12:29 Da gionny33

» foglie secche ai bordi
13/6/2016, 18:59 Da sergiope

» Lantana Camara
21/4/2016, 12:01 Da ronin

» OLIVELLO SELVATICO
3/10/2015, 14:44 Da Antonio Buzzanca

» ginepro comune
30/6/2015, 13:24 Da andrea 55

» Impostazione Ginepro
28/6/2015, 10:55 Da andrea 55

» salve a tutti
26/6/2015, 17:11 Da andrea 55

» salve a tutti
23/6/2015, 21:16 Da efi65

Chi è in linea
In totale ci sono 3 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 3 Ospiti

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 59 il 10/10/2015, 09:51
I postatori più attivi del mese

Contatore Visite
Agosto 2017
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario

Google +1

Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  Darius il 30/4/2012, 15:37

Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai (o quasi Smile )

Eccomi qui ad aprire il primo Topic,
lo faccio postando la storia di questo ginepro acquistato in Vivaio a Marzo 2009 per 10€.
La varietà per fortuna non è proprio di quelle "pendula" ma cmq è sul verde con punte gialle quando è in crescita (non il massimo Neutral ).
Gli step che verranno elencati sono stati separati da alcuni mesi l'uno dall'altro, questo per permettere alla pianta di riprendersi ogni volta, e di avere la sicurezza della riuscita di un intervento senza comprometterne la salute.

Non ho una foto antecedente la prima lavorazione (di Ottobre '09), questa qui sotto è la prima in cui si vede l'ampiezza della chioma dopo aver tolto circa il 50% della vegetazione ed aver accorciato il tronco di 1/3, dopo lo step la chioma è larga circa un metro, è stata fatta pulizia sul tronco e sui rami, ricavati due Jin vicino alla base che probabilmente erano due rami, uno troppo basso e uno che si diramava creando una forcella che è stata così evitata.
In più è stato svuotato, di circa un 50-60% del durame, il tronco nella parte posteriore, grazie ad un Dremel con fresa, (vedi la seconda foto con l'altro fronte)

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

A metà Dicembre (sarebbe stato meglio aspettare almeno un mese in più) è stato creato un tutore con 3 fili di rame da 4 mm, fasciati insieme con rafia, che è stato inserito nel tronco cavo, poi è stata stretta della gomma intorno ad esso (nastri di gomma da camere d'aria di macchina e/o bici), poi tutto il tronco è stato filato con altri due fili, piegato a gomito e fissato con un tirante.
Il tronco cavo permette queste pieghe spesso senza neanche danneggiare il cambio, per esempio con spaccature trasversali al tronco, sul lato esterno della piega (assicuratevi che il substrato della pianta sia ben secco, così da avere poca linfa che scorre nelle "vene" e quindi ogni tessuto sia più malleabile)

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Dopo e durante le lavorazioni, la pianta è stata nebulizzata ed innaffiata con vari prodotti, come sprintene, ergostim plus e microelementi.
A metà febbraio 2010, la vegetazione dopo la piega (cerchiata in rosso) è ancora viva, un buon presupposto Smile

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

e a maggio la vegetazione ha continuato a crescere:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

A fine Maggio è stato potato un 40% della vegetazione (quella prima della piega, per stimolare quella dopo)

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

A Luglio 2010 tutto il filo e la gomma sono stati tolti, il tutore interno ed il tirante sono stati lasciati per continuare a tenere la piega (probabilmente avrebbe retto cmq, ma meglio andarci piano e permettere al cambio di irrobustirsi e sostenere tutta la struttura, vedi anche foto successiva del gomito con tutore).

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Prima settimana di Ottobre 2010, ottima crescita:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Notare il cambio, già si intravede (marroncino) che si sta allargando ed è uscito dalla corteccia andando al centro dello scavo, verso l'interno.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

20-11-2010= altra lavorazione in cui è stato potato il 50% della vegetazione, tolta tutta la vegetazione prima della curva, quindi sono rimasti praticamente solo 2 rami, con due fili da 3 mm il primo ramo dopo la curva è stato gommato e piegato:


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

L'ipotesi di lavoro in quel momento era quello di lasciare solo quel ramo piegato, togliendo la vegetazione apicale, un possibile fronte (rialzando il vaso, cmq non si capisce molto avendo piegato il ramo e non la vegetazione secondaria)

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Metà Maggio 2011= Rinvaso in ciotola plastica da 30 cm, abbastanza in ritardo diciamo, ma ne avevo travasate parecchie e cmq i ginepri si erano svegliati tardi per via del freddo inverno (aveva anche nevicato!).
Particolare della vegetazione e del pane radicale molto compatto.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Con questi ginepri ho sperimentato molto bene il lavaggio delle radici, che secondo me è da usare in questo caso perchè le radici sono molto compatte e la maggior parte è morta nel vecchio substrato, che di solito è terriccio con pochissima pomice sotto al nebari quando si è fortunati... Sotto il getto d'acqua il terricci viene tolto a mano, e districato togliendo le radici morte che vengono via, in genere non ho dovuto fare tagli di radici grosse o medie (in questo caso non è stato tagliato nulla), poichè l'apparato radicale si riduceva a questo:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Il nuovo substrato è stato del lapillo molto grande (2-4 cm) sul fondo e poi 70% pomice media e 30% lapillo fine. la superficie è stata coperta con uno straccio bagnato per tenere umido il substrato anche in superficie ed evitare quanto più possibile gli stress idrici; poi la vegetazione è stata imbustata e sono stati tolti il filo di rame e la gomma. (tolti dopo circa un mese, la busta probabilmente può essere tralasciata od usata anche solo per una decina di gg, ma per non rischiare potete usarla o mettere in alternativa la pianta in serra fredda che è umida)

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Per tutto il 2011 è stata lasciata in pace, la crescita non è stata grande, anzi, però è sicuramente stabilizzata e pronta per la lavorazione l'anno dopo.
A metà Marzo 2012 è stato effettuato l'ultimo step (finora), il tronco e la vegetazione sono stati ripuliti, i due fronti prima della lavorazione:


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Qui sotto l'ipotetica soluzione con solamente la vegetazione bassa, viene una pianta molto leggera ed elegante, un ipotesi poi accantonata per lavorare la pianta più gradualmente e poi perché sembrava più equilibrata così com'è venuta alla fine, per ora....

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Ed ecco il risultato finale, dimostra come ad ogni step il progetto possa cambiare a seconda dell'evoluzione della pianta (e certamente del bonsaista! Very Happy ) in ogni suo aspetto, fronte, vegetazione, secco, inclinazione ecc...

Spero apprezziate questa storia-resoconto e contribuiate alla discussione.

Dario


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


avatar
Darius
Bonsaista Shoin
Bonsaista Shoin

Messaggi : 125
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  bat il 30/4/2012, 15:53

Complimenti Dario un contributo prezioso!
Non vedo l'ora di vedere le foto a casa perchè in ufficio il sistema me le blocca.
avatar
bat
Master Bonsai
Master Bonsai

Messaggi : 1700
Località : Roma

http://www.flickr.com/photos/27506990@N04/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  Massimiliano La Mattina il 30/4/2012, 17:54

AHhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh , non me ne ero accorto !!!!
Grande Dario !!! cheers
avatar
Massimiliano La Mattina
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 668
Località : Roma , Ostia Lido

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  Darius il 30/4/2012, 20:36

bat ha scritto:Complimenti Dario un contributo prezioso!
Non vedo l'ora di vedere le foto a casa perchè in ufficio il sistema me le blocca.
Si praticamente è un articolo intero con 22 foto, mò lo pubblico sull'Ubi!! HAhA Razz
Cmq si, senza foto non ha quasi senso, fammi sapere se hai domande. Wink

Massimiliano La Mattina ha scritto:AHhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh , non me ne ero accorto !!!!
Grande Dario !!! cheers

Credevi che ero un sola eh!? che vi davo buca eh?!
avatar
Darius
Bonsaista Shoin
Bonsaista Shoin

Messaggi : 125
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  andrea 55 il 30/4/2012, 20:57

non male ,in un futuro andrei a coprire con la parte alta che tieni tra le mani la rigidità del tratto scavato
avatar
andrea 55
Bonsaista Ohgata
Bonsaista Ohgata

Messaggi : 1641
Località : poppi

http://www.toshoo-en.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  Darius il 30/4/2012, 21:02

Si infatti con la chioma più bassa la copertura è stata un pò effettuata, ed in effetti bisognerà farlo anche più su per spezzare quel tratto dritto, il fronte dell'ultima foto lo sposterei di qualche grado, è un pò da rivedere.
avatar
Darius
Bonsaista Shoin
Bonsaista Shoin

Messaggi : 125
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  andrea 55 il 30/4/2012, 21:08

sicuramente con l'aumento dei palchi fogliari riuscirai a nascondere il difetto giocando con inclinazioni e spostando il fronte di qualche grado si noterà meno la parte rigida
avatar
andrea 55
Bonsaista Ohgata
Bonsaista Ohgata

Messaggi : 1641
Località : poppi

http://www.toshoo-en.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  Massimiliano La Mattina il 1/5/2012, 20:16

Bel reportage , dettagliato e chiaro .
Come la vedo io , questi materiali possono diventare tante cose , e se ne può parlare per ore .
Per esempio una piega del genere , al di la di fare esperienza, va fatta per portare la vegetazione dove non c'è, in modo da compattare la pianta . Questa pianta a mio avviso aveva già dei rami per portare la vegetazione dove sta adesso , aquistando un pò di conicità. Il problema principale al di la del disegno finale è che non ci sono cambi di spessore nel tronco principale, quindi inzierei ad eliminare la vegetazione in basso in modo da acquisire un cambio di diametro ed un altro movimento.
Complimenti per la cronologia nella coltivazione e nelle lavorazioni .
avatar
Massimiliano La Mattina
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 668
Località : Roma , Ostia Lido

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  bat il 2/5/2012, 08:16

Ho visto le foto Dario e sono arrivato alla conclusione che è con questi materiali che si cresce bonsaisticamnete. Se avessi avuto tra le mani qualche cosa di più costoso difficlmente penso che avresti osato tanto. Io mi diverto molto con delle piantine, che chiamo cavie, con le quali mi comporto in maniera "Borderline". Ne ho perse molte ma ho anche appreso molto. Ora sono in grado di capire più o meno quanto posso spingere in fase di coltivazione e quanto posso essere invasivo con le tecniche bonsai.
Comunque sono i contributi come questo, abbinati al supporto dei Master, che fanno crescere i forum ed i loro iscritti.
avatar
bat
Master Bonsai
Master Bonsai

Messaggi : 1700
Località : Roma

http://www.flickr.com/photos/27506990@N04/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  Massimiliano La Mattina il 2/5/2012, 08:21

Mi Piace
avatar
Massimiliano La Mattina
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 668
Località : Roma , Ostia Lido

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  Darius il 6/5/2012, 15:57

Massimiliano La Mattina ha scritto:
1) Bel reportage , dettagliato e chiaro .
2) Come la vedo io , questi materiali possono diventare tante cose , e se ne può parlare per ore .
3) Questa pianta a mio avviso aveva già dei rami per portare la vegetazione dove sta adesso , aquistando un pò di conicità.
4) Il problema principale [...] è che non ci sono cambi di spessore nel tronco principale, quindi inzierei ad eliminare la vegetazione in basso in modo da acquisire un cambio di diametro ed un altro movimento.
5) Complimenti per la cronologia nella coltivazione e nelle lavorazioni .

1&5) Grazie. Ogni mia pianta che cominci ad avere senso bonsaisticamente ha una sua cartella con le foto ed un file di testo in cui viene periodicamente scritta la lavorazione effettuata.

2) Si tante cose è vero, diciamo che su queste piante che ho acquistato in serie (quasi tutte uguali) ho puntato su lavorazioni simili, ma è vero che in realtà partendo da materiali diversi si dovrebbe cmq arrivare a risultati diversi per provare sia differenti tecniche che differenti stili-modellazioni.
3) Infatti ora che mi hai detto ciò, mi è venuto in mente come avrei potuto ricavarne uno shoin, capitozzando il tronco sopra alla base che poi era l'unica parte con movimento, sarebbe venuto fuori uno shoin spettacolare. E anzi ci proverò in futuro con piante simili. Wink

4) Si è vero ma non si guadagnerebbe troppo perchè cmq la parte dritta, fuori la curva, rimarrebbe, con la crescita della vegetazione si guadagnerà più naturalezza, certamente è possibile che escano poi nuovi progetti.

bat ha scritto:
6) Ho visto le foto Dario e sono arrivato alla conclusione che è con questi materiali che si cresce bonsaisticamente.
7) Se avessi avuto tra le mani qualche cosa di più costoso difficlmente penso che avresti osato tanto.
8 ) Io mi diverto molto con delle piantine, che chiamo cavie, con le quali mi comporto in maniera "Borderline". Ne ho perse molte ma ho anche appreso molto. Ora sono in grado di capire più o meno quanto posso spingere in fase di coltivazione e quanto posso essere invasivo con le tecniche bonsai.
9) Comunque sono i contributi come questo, abbinati al supporto dei Master, che fanno crescere i forum ed i loro iscritti.

6) Si è anche così che si impara il vero bonsai fatto di regole, pieghe e coltivazione, cioè con il Ginepro, la specie che più insegna nella pratica, ma non è solo con quello, vedi il pino che ha molto di diverso ma che forse è l'essenza del vero bonsai.

7) Si forse è vero, ma il timore deriva non solo dall'assenza del coraggio di sfidare la "sorte" (vita) della pianta, ma da ignorare ciò che permette di aumentare le probabilità che sopravviva e che risponda proprio come vogliamo noi, non solo nelle tecniche, ma specialmente nella coltivazione.

8 ) Bè se questa non è Borderline?!!? conferma quanto detto appunto.

9) Grazie, speriamo che aiuti, l'ho inserita con l'intento di contribuire con poche cose ma "importanti" diciamo...
avatar
Darius
Bonsaista Shoin
Bonsaista Shoin

Messaggi : 125
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  bat il 7/5/2012, 16:01

Grazie Dario, io come filosofia di vita non lascio mai nulla al caso. A volte anche il più modesto dei contributi ( non è nel Tuo caso ) può apportare quel non so che a cui magari ognuno di noi non aveva mai pensato oppure magari reputava inverosimile.
E' per questo che leggo, leggo, leggo e poi quando ho un attimo cerco di mettere in pratica quanto teoricamente appreso perchè senza pratica la teoria non darà mai risultato "La teoria è quando sai tutto ma non ti riesce nulla, la pratica è quando ti viene tutto ma non ne sai il perchè".
Per esempio oggi parlando con uno dei vecchi giardinieri dove lavoro è saltato fuori il discorso sull'acqua calcarea di Roma.
Lui in casa per le Azalee usa da più di quaranta anni far decantare per una notte 5 Litri d'acqua con un cucchiaio di aceto.
A mio sommesso avviso, un piccolo contributo, ma muscolosissimo !
avatar
bat
Master Bonsai
Master Bonsai

Messaggi : 1700
Località : Roma

http://www.flickr.com/photos/27506990@N04/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  Massimiliano La Mattina il 7/5/2012, 17:22

Niente da eccepire Cool
avatar
Massimiliano La Mattina
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 668
Località : Roma , Ostia Lido

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  Kurama il 21/5/2012, 08:37

Bravo Dario ottimo reportage e lavorazione!!!

Kurama
Bonsaista Shoin
Bonsaista Shoin

Messaggi : 147
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ginepro, evoluzione da Vivaio a Bonsai...

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum